The Deep Conspiracy, Athens, Greece

Πέμπτη, 11 Μαρτίου 2010

LVII - da SERA

Mentono quelli che dissero ch'io persi la luna,
quelli che profetizzarono il mio avvenire d'arena,
affermaron tante cose con lingue fredde:
vollero proibire il fior dell'universo.
«Più non canterà l'ambra ribelle
della sirena, non ha che popolo.»
E masticavan le lor carte incessanti
patrocinando l'oblio per la mia chitarra.
Io gli gettai negli occhi le lance abbacinanti
del nostro amore che penetravano il tuo cuore e il mio,
reclamai il gelsomino che lasciavan le tue orme,
mi persi di notte senza luce sotto le tue palpebre
e quando la chiarità mi avvolse
nacqui di nuovo, padrone della mia tenebra stessa

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...